fatturazione mensile bollette telefoniche aprile 2018

FATTURAZIONE MENSILE DELLE BOLLETTE: QUALI NOVITÀ?

Le compagnie di telecomunicazioni saranno obbligate a partire da aprile a tornare alle bollette mensili e a far pagare ai clienti 12 mesi all’anno anziché 13, ma la spesa totale annua non diminuirà.

Entro aprile tutte le compagnie telefoniche dovranno adeguarsi alla nuova legge: ecco i dettagli e l’impatto della decisione sui nostri portafogli.

La novità è semplice: le bollette arriveranno ogni mese per 12 mesi, invece che ogni quattro settimane, modalità che dava origine a una bolletta in più all’anno. Ma quali sarà l’impatto reale sulle nostre tasche? Ci sarà un effettivo risparmio?

Non illudiamoci di risparmiare: sembra che il costo della tredicesima bolletta verrà spalmato sulle altre dodici. Le bollette da 28 giorni avrebbero portato un aumento delle fatture dell’8,6%, un rialzo che potrebbe essere mantenuto tornando alla base mensile. Sembra infatti che l’associazione di categoria delle imprese della tecnologia e dell’informazione stia sostenendo le telco sottolineando come le tariffe italiane siano tra le più basse in Europa.

La legge in questione stabilisce delle regole riguardo i tempi, ma non riguardo le tariffe, che ogni operatore può adeguare a piacimento. Insomma, le compagnie possono abbassare il bundle (“pacchetto” di servizi inclusi in una determinata offerta commerciale) di una tariffa, possono farla crescere in modo da coprire il «gap» del mese mancante, oppure possono riformulare completamente l’offerta.

I due maggiori operatori di telefonia mobile, Vodafone e Tim, hanno creato siti web dedicati al cambio delle tariffe. Vodafone ha annunciato che manterrà il costo annuale identico e lo dividerà in 12 e non 13 pagamenti; tutti i clienti interessati riceveranno una comunicazione in fattura e potranno recedere dal contratto o passare ad altro operatore senza penali entro 30 giorni dalla ricezione della comunicazione, specificando come causale del recesso “modifica delle condizioni contrattuali”.

Wind-Tre applicherà il costo del singolo rinnovo solo 12 volte l’anno, con una sostanziale diminuzione dei costi, ma anche del monte minuti e traffico dati associati. Le nuove tariffe partiranno ad aprile per Wind, da fine marzo invece per Tre.

Fonte: Corriere della sera

Condividi:
Facebooktwitterlinkedinmail

Rispondi

avatar
500