stipendi

NUOVA NORMA: DAL MESE DI LUGLIO 2018 NIENTE PIU’ STIPENDI IN CONTANTI

Bisognerà dire addio al pagamento dello stipendio in contanti, dal mese di luglio 2018 infatti le aziende potranno retribuire i loro dipendenti solamente attraverso pagamenti tracciabili, in banca o alla Poste. Le multe in caso d’inosservanza possono raggiungere i 5000 euro.

Le aziende che pagavano lo stipendio in contanti ai lavoratori consegnando un importo più basso del netto in busta paga non potranno più farlo. Inoltre, un altro principio delle norma da sottolineare è che la firma apposta dal lavoratore sulla busta paga non costituisce in alcun caso prova dell’avvenuto pagamento dello stipendio.

METODI DI RETRIBUZIONE – I datori di lavoro dal 1° luglio 2018 sono tenuti a corrispondere ai lavoratori la retribuzione e gli anticipi sulla stessa tramite banca o ufficio postale con uno dei seguenti mezzi di pagamento:

-bonifico sul conto del lavoratore;

-strumenti di versamento elettronici;

-pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postale in cui il datore ha un conto corrente di tesoreria aperto con mandato di pagamento;

-assegno da consegnare al dipendente o a un suo delegato, in caso d’ impedimento. (L’impedimento s’intende comprovato se il delegato è il coniuge, il convivente o un familiare, in linea retta o collaterale di età non inferiore a sedici anni.)

Teniamo a ribadire che: la firma del lavoratore sulla busta paga non prova l’avvenuto pagamento dello stipendio.

Il divieto di pagare in contanti lo stipendio riguarda coloro che hanno un contratto di lavoro subordinato : a tempo indeterminato; a tempo determinato; a tempo pieno; part-time; contratto di apprendistato; contratto di lavoro flessibile; lavoratori soci di cooperative con contratti subordinati.

ALCUNE ECCEZIONI – Sono poche le eccezioni di lavoratori esclusi dalle riforma sui pagamenti degli stipendi. Tra questi i dipendenti delle PA, i lavoratori domestici (colf, badanti e baby sitter potranno quindi continuare ad essere pagati in contanti), i tirocini, i rapporti autonomi occasionali e le borse di studio.

SANZIONI – Le multe a cui vanno incontro i datori di lavoro che non sono in regola variano da 1.000 euro a 5.000 euro.

Fonte: Adico

Condividi:
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Rispondi

Scrivi il primo commento!

avatar
500